logoONLUS(new)

Geoprogress Global Forum 2020-21 – Building the I.E.F.

Geoprogress Global Forum (GGF) 2020-’21 on:

 

BUILDING THE I.E.F. – International Environment Fund

For a fair International Environmental System

.

This initiative – promoted since 2016 by the GeoProgress Journal, published by Geoprogress, a non-profit research organization – is focusing in 2020 and 2021 on some key issues for sustainable global development. Among these, the priority is undoubtedly to adjust and gradually rebalance the international environmental system and in particular where and how to find the financial means to promote this rebalancing. Additional key points are: the promotion of a sustainable development for all, coping with the unsustainability of the current economic development, which requires everywhere the research and dissemination of sounder technologies, but not least the search for alternative models of development.
For this purpose Geoprogress intends to update the proposal to build the international Environment Fund (IEF) conceived as an international instrument for rebalancing and regulating the terrestrial ecosystem (1).
“The IEF would act as a compensation fund and regulator of environmental balance between nations, based upon a criterion of equity and international justice. This would be supplied by countries that are, environmentally speaking, debtors (essentially the industrialised nations) in proportion to their environmental deficit and per-capita income, and should finance the relevant projects and environmental policies of countries that are environmental creditors, in relation to their environmental surplus, to their per-capita income, and to their efforts in favour of protecting the environment for all humanity”.

The main actions planned towards this goal are:

  1. Workshop for the discussion of the papers and of specific corrections-integrations to the original IEF proposal; definition of a new proposal (October 2020) to be submitted to national and international institutions;
  2. Special Issue of the GeoProgress Journal, for publication of the scientific contributions, prior submission to referees, and other papers and results, as documents of the Workshop (by the end of December 2020);
  3. International Conference at the European Union Parliament or at other international organizations, with the participation of MEPs and of representatives of governments from different countries (early December 2020 or February 2021).

 

.
 

CALL FOR PAPERS

Download the full text of the call:
CALL FOR PAPERS

Assuming the motivations and the outline of the original proposal, as illustrated by F. Adamo in GeoProgress Journal, 2017, i.1. (http://www.geoprogress.eu/geoprogress-journal-vol-4-issue-1-2017/) the multiple knowledge required for the construction and operation of the I.E.F. – to which scholars and experts from various disciplines (from natural sciences to statistics, economics and finance, geography and law) are invited to contribute – should allow to obtain in particular:

1) an updated definition of the countries that are environmentally debtors and creditors, which should no longer be limited to CO2 emissions alone (an indicator that remains fundamental and whose acceptance would already be an important step forward): the emissions corresponding to the difference between imports and exports of tangible goods should be added. Particularly useful and appreciated would be papers on setting up the criteria for the distinction of countries and the amount of their respective environmental debts or credits, for the conversion of environmental debt into financial debt or in an annual amount of money to be paid to the IEF(2), for setting the maximum amount available from the IEF for the financing of projects for the protection and improvement of the natural environment, and projects for sustainable local development, for each creditor country; define virtuous behavior by debtor countries (for example emission reduction thresholds, reforestations) worthy of prizes that further incentivize them to improve their ecological conditions.

2) an illustration and critical analysis of the current financial mechanisms used by ecologically debtor countries to accomplish their financial engagements in favor of our common environment, the amount of these engagements; the definition of which of the current known mechanisms and of other possible new ones are consistent with the ethic assumptions of the IEF and could be used as revenues to feed the International Environment Fund (IEF) by each type of country according to its socio-economic conditions. The mechanisms suggested in the original proposal of the IEF and others in use or that are expected to be valuable are the subject of the analysis. Referring to the financial mechanisms in use it would be useful to know in which countries they are employed and the amount of annual revenues that derives from them.

3) the redefinition of the organization and administration of the Fund, of the priorities of environmental problems and therefore: of the actions to be financed in the ecologically creditor countries, on projects presented by public and private or mixed subjects of the country concerned or in partnership or by international bodies; of the monitoring system(3).

Geoprogress invites scholars and experts of various disciplines to contribute towards the above objectives and / or develop related themes, by sending to info@geoprogress.eu

a) scientific papers (max 16 pages in word, Times New Roman, 12): state-of-the-art research papers, original and quantitative studies that provide knowledge for the construction or operation of the IEF and anyway contribute to develop connected themes. These should be used as integration of the new IEF proposal and submitted to referees for publication as articles in a Special issue of the GeoProgress Journal;

b) short papers (max 5 pages in word Times New Roman, 12): that suggest corrections/ integrations to the original IEF proposal.

Deadlines for sending the contributions

  • by October 15, 2020 – the Abstract (title and max 15 lines) of the proposed paper
  • by November 15, 2020 – Full text of the paper
.

CLICK HERE TO DOWNLOAD THE CALL FOR PAPERS (PDF)

 

NOTES

(1) Presented and discussed at the United Nations Workshop on Creative Financing for Environmentally Sound Technologies, Belèm do Parà (Brazil) 2nd-7th December 1990 – New York, United Nations Center for Science and Technology for Development (UNCSTD), Document 21, Group F -. The proposal supplemented by other contributions to this UNCSTD meeting was accepted by the United Nations Secretariat and brought to the Earth Summit in Rio de Janeiro in 1992, but unfortunately not accepted due to the opposition of some States and evidently because the time was still not ripe from the political and cultural aspects.

(2) “For the immediate constitution of the I.E.F., it is proposed to use: 1. the funds pledged to the “Global Environmental Facility” (GEF) and the two funds managed by the same GEF 2. the sources arising from the mechanisms of debt conversion: firstly, of the debt conversion into a multilateral institution, but also the bilateral public loans. The management of these funds should be entrusted immediately to the I.E.F. 3. part of public aid or, better still, the equivalent of its possible increase. The part we propose to use immediately for the I.E.F. could be equal to 0.25% of the Gross National Product (G.N.P.) of the developed countries; if these countries finally decide to keep their promises, and to rapidly bring their aid up to a minimum of 0.70% of the G.N.P., as required by the same Development Aid Committee of the O.E.C.D. 4. private donations which could be stimulated by international investment in ecobonds, launched by the United Nations with the collaboration of Non-Government Organisations (NGOs).
Revenues should then be represented under the following headings: A) voluntary private contributions, such as direct donations and the possibility in rich countries of deducting a small tax-free amount from profits and personal income; B) rent and royalties, paid by rich states and private companies (such as biochemical and pharmaceutical industries): respectively for the concessions of use of vast regions of tropical rain forests – to be conceived as biological (and climatic) “mines” and water supplies, and to be cared for as scientific parks – for research purposes, for the gathering of natural substances and the economic exploitation of research results; C) part of the revenue from individual states, generated by the eco-tax, an indirect tax which is gradually making headway in industrialised countries (at least in some of them) and which is under discussion in the European Parliament. The eco-taxes should concern the consumption of the following categories of goods: C.1) noxious products (eliminable and non-eliminable), taxation to be restricted, for the moment, to fossil and other fuels (carbon tax), and to some heavy metals (such as cadmium); C.2) goods which are under-priced by the market and do not reflect the physical scarcity of non-renewable natural resources used in their manufacture, such as certain rare minerals (for which the taxable sum should be shared between the fund and the producing country); C.3) goods which are under-priced with reference to the physical quantity of the renewable natural resources employed (for example, the extension of occupied soils); for the moment we could cite some agricultural products typical of tropical countries (or even a product prevailingly exported by developing countries) and in particular products for which trade terms have deteriorated (e.g. coffee, cocoa, leather, cotton, etc.) and whose demand is not very elastic; C.4) goods produced in rich countries with the aid of customs duties and states subsidies, to the detriment of the economies of poor countries and the environment; in particular, this proposal of a swing away from economic protectionism towards nature protection, might concern some of the products over which… the W.T.O. still finds obstacles, and help to get the situation moving. Evidently the sum payable to the I.E.F. differs according to each type of product taxed and to the category of each country. With regard to the much-discussed carbon tax (Pearce, 1989a; Brown, 1990), I.E.F. debtors should be those countries with a net per capita emission of carbon that exceeds one ton per annum. Their payments, in proportion to quantities in excess of these limits, could be defined with reference to the rough cost of reforestation which would, in theory, allow the absorption of a corresponding quantity of carbon-dioxide” (Adamo, op.cit. in the text).

(3) Outgoings are represented by various forms of financing, the distribution of which is based upon criteria which can be inferred from proposals for revenues and, besides a sense of fairness, also take into account the policies practiced by environmental creditor countries. The following financial supports should not be neglected: I) public and private companies’ projects: tax relief on loans and export guarantees, respectively for various forms of investment directly in the sector of sustainable technologies (better still if through international joint ventures) and for the transfer of such technologies; II) projects and programs of governments of said states, of international bodies and of NGOs: for research into sustainable technologies, the environment in its geographical aspects and in its relationship to development; for research into preventive measures and environmental recovery, for the diffusion of sustainable technologies, training programs and projects of sustainable development. III) transfer to tropical countries of rents and royalties for pluvial forests destined to be scientific parks and transfer in any case of yearly loans (obtained from the carbon tax) proportional to the environmental benefits coming from reduction in deforestation (taking 1991 as a basis). This financial transfer would represent such a financial flow as to discourage alternative uses. Its assessment would imply an appropriate geographical classification of forest regions, as we have to keep into account the different “marginal opportunity costs” (Warford, 1989; Pearce, 1989b). IV) loans at special rates to states and extra funds to firms for the reconversion, diversification and economic development in those countries that will be subject to economic loss due to environmental policies of industrialized countries and also due to the implementation of the above proposals. The latter can only be carried out gradually. (ibidem)

 
.

 

Information on the event:

Workshop on:

The Protection Our Common Environment and the Proposal of the I.E.F. – International Environment Fund

 

Torino, November 15, 2020
@ I.U.S.E. – Istituto Universitario di Studi Europei

 

The Workshop is organized with the collaboration of the University Institute of European Studies and will be held in Turin, at this Institute, or online. It will be divided into 3-4 sessions, according to the main thematic areas referred to in the previous call for papers. The papers proposed by September 30 will be presented by the authors themselves or by the session coordinator, depending on their number and above all on how the meeting will take place (online or in a conference room). Coordinators will summarize the contents and above all highlight the differences, on which the discussion will focus so as to allow participants to select the contents of the technical-scientific document to be drawn up for the establishment of the IEF.

Confirmation of the date, the program and the organizational method will be given to all participants:

i.e. to all those who, by October 15, 2020, together with the abstract of their contribution, will send for registration an e-mail to info@geoprogress.eu, indicating whether they also intend to be present at the Workshop, regardless of the way in which it will take place (in a conference room or online), and indicating which of the two options they would prefer, in addition to providing Surname, Name, Home institution, Address.

Registration Fee

For the partial coverage of costs and by means of donations, Geoprogress (non-profit organization) asks participants:

1) To those who send an abstract proposing a scientific paper to be then subjected to double peer review,
a) participating to the meeting in Turin, € 100.00
b) participating to the online meeting or without being present at any meeting, € 50.00

2) To those who propose a short paper,
a) participating to the meeting in Turin, € 50.00
b) participating to the online meeting or without being present at any meeting, € 00.00

3) To those who only intend to attend the meeting in Turin (subject to availability), a free donation.

The fee should be paid by September 30, and anyway after our confirmation of the forma of the meeting, with Bank transfer to Geoprogress (Novara, via Perrone 18) at INTESA SAN PAOLO – Terzo Settore – Filiale 55000 Novara

c/c 16996
BIC: BCITITMM
Code IBAN: IT75R0306909606100000016996

zeropoint_logo

logoONLUS(new)

Geoprogress Global Forum 2020-21 – Water and soil conservation

Geoprogress Global Forum (GGF) 2020-’21 on:

 

WATER AND SOIL CONSERVATION

INNOVATIONS GEOGRAPHY AND GOVERNANCE MODELS

.

Water and soil are key resources for human life. Consequently, their conservation is essential to guarantee a future existence to human beings. This vital issue depends largely on soil erosion reduction techniques, on water saving and on the agronomic technologies we use, obviously avoiding to continue destroying forests and grasslands. It also depends on farming economic organization, land tenure systems, markets regulations, food distribution, national and international policies and legislation, geopolitics. Great importance has the growth of scientific knowledge and technical innovations, as well of the social factors limiting their diffusion. Geography of soil and water, their conservation methods and policies, in dynamic terms, through a continuous monitoring process, are also essential to direct policies and plan actions at various scales.

The GGF on Soil and Water Conservation is promoted by Geoprogress, an Italian no-profit researchers’ association, and will cover issues on Earth Sciences and Engineering, Geography, Management and Economics, International Law and Political Sciences. Researchers in these different disciplines are invited to submit papers and participate in the academic exchange.

.
 

CALL FOR PAPERS

Download:
CALL FOR PAPERS (ENGLISH VERSION)

CALL FOR PAPERS + REGISTRATION FORM (ENGLISH VERSION)

CALL FOR PAPERS + REGISTRATION FORM (SPANISH VERSION)

The GGF is open to scientists, experts, politicians and anyone around the World who wants to contribute to overcome the above problems. Furthermore it would contribute to initiate a people global network with the same world concept and intentions and therefore help to urge the international policies of their States in the same direction. Each edition focuses on different problems of territory development, from local to global scale, and  debates policies, management models and  action proposals.

Geoprogress is soliciting state-of-the-art research papers, original and quantitative studies dealing with any technique of soil and water conservation, studies for the identification of the best practices of solving problems (scientific, technical, managerial, political) of conservation, distribution and use. Studies done under any type of climatic (arid, Mediterranean, temperate, tropical and cold) and topographic conditions, land use and management practices, are welcome, particularly manuscripts where conservation policies are evaluated. The multiple areas of interest inter alia include:

  • Natural and social processes of soil and water degradation;
  • Soil and water conservation technologies and Management approaches;
  • Political economy of soil and water conservation;
  • Geography of soil and water uses and conservation methods;
  • Urbanization models/ Soil and water conservation;
  • Information and analysis methods on soil and water resources and issues;
  • Conservation Agriculture;
  • Conservation/ Farm to fork;
  • Soil conservation/ Land use/ Land tenure systems;
  • Conservation/ Land use legislation;
  • Soil conservation/ Land grabbing;
  • Watershed Ecology and Management;
  • Water use conflicts;
  • Legal problems of inland water use;
  • Legal problems of international freshwater use;
  • Water distribution – technical and social issues.

 

ABSTRACT AND PAPER SUBMISSION INFORMATION

Title and Abstract (about 100 words) and, later on, the whole Paper should be sent to info@geoprogress.eu, by the following deadlines:

a) October 30, 2020 for the abstract of a manuscript proposal from authors who intend to participate in the Conference.

b) December 15, 2020 for the complete manuscript, proposed by the above authors, and for a new manuscript proposed for publication by other authors.

The Authors of the abstracts will have the opportunity to present and discuss their papers during a conference to be held possibly by the end of 2020 or, if not possible, later on. However, regardless of the discussion at the conference, all the papers will be submitted to double peer-review; and, if accepted, papers will be published in a Special Issue of the GeoProgress Journal (by December 2020).

GeoProgress Journal is an online open access international peer reviewed journal of development studies. Research articles, review articles as well as short communications are welcome.

Submitted manuscripts should not have been published previously, nor be under consideration for publication elsewhere (except conference proceedings papers); they should be well formatted and use correct English. A guide for authors and other relevant information for submission of manuscripts is available at the GeoProgress Journal page.

Please visit this page, download and use the format (Style Guidelines for Author) before submitting a manuscript.

.

CLICK HERE TO DOWNLOAD THE CALL FOR PAPERS AND THE REGISTRATION FORM (Word)

CLICK HERE TO DOWNLOAD THE CALL FOR PAPERS AND THE REGISTRATION FORM (Spanish version)

CLICK HERE TO DOWNLOAD THE CALL FOR PAPERS (PDF)

 
.

 

Information on the event:

International Conference on:

WATER AND SOIL CONSERVATION

INNOVATIONS GEOGRAPHY AND GOVERNANCE MODELS

 

Expected Date: December 2020
Place: Armeno, Lake Maggiore and Orta, or online

 

In the desirable and probable case that there will not be any problem to meet physically, in a conference room, researchers who have proposed a paper will have the opportunity to present and discuss it.

Apart from this possibility, the contributions will also be discussed (or exclusively, in the event that the conference will take place electronically) in thematic sessions in which a speaker, rapporteur, will summarize them, highlighting above all the divergent theses on which 3-5 invited discussants will intervene. They will also have the opportunity to attend other sessions with prior registration.

Geoprogress will disseminate the conclusions, recommendations and proposals of this scientific conference, presenting them to representatives of national and international institutions, and to the public opinion through social networks.

Registration Form and Fee

The registration form is available below while the fee have to be sent by November 1st, 2020, both by researchers who wish to submit an article for publication in the Journal and by those who are also willing to present and discuss it at the Conference.

All those wishing to attend the conference, including experts representing organizations invited, are encouraged to send their registration form to info@geoprogress.eu as soon as possible.

The registration fee is:

  • € 80,00 for researcher who only submit a paper for publication in the Journal after the approval of two referees;
  • € 150,00 for researchers who also attend the conference, it includes the social dinner, lunch, coffee break, organization, in addition to the publication of the papers approved by two referees.
  • € 100,00 for researchers who also attend the conference, if the conference will take place online.

The fee must be paid within the due date, with Bank transfer to Geoprogress (Novara, via Perrone 18) at INTESA SAN PAOLO – Terzo Settore – Filiale 55000 Novara

c/c 16996
BIC: BCITITMM
Code IBAN: IT75R0306909606100000016996

zeropoint_logo

logoONLUS(new)

Giornate del Turismo 2020 – XIX edizione

Giornate del Turismo

XIX Edizione


Convegno Internazionale  su:

TURISMO “AL GIRO DI BOA”

IN ITALIA E ALTROVE


Novara, 26-27 ottobre 2020

Università degli Studi del Piemonte Orientale

Le registrazioni delle sessioni dell’evento tenutosi nei giorni 26-27 Ottobre 2020 sono disponibili sulla pagina Facebook ufficiale di Geoprogress

CLICCA QUI PER SCARICARE LA CALL FOR PAPERS E LA BOZZA DEL PROGRAMMA (Word)

CLICCA QUI PER SCARICARE LA CALL FOR PAPERS E LA BOZZA DEL PROGRAMMA (PDF)

DOWNLOAD THE SPANISH VERSION OF THE CALL FOR PAPERS (PDF)

Le Giornate del Turismo – promosse da Geoprogress Onlus, con il patrocinio di università, associazioni nazionali di categoria e istituzioni – costituisce un appuntamento annuale per ricercatori, operatori privati e decisori pubblici.

L’iniziativa – giunta alla XVIII edizione – è un momento fondamentale di studio e di discussione di proposte per il progresso del turismo e del territorio, che scaturiscono dal confronto dei risultati di ricerche e di riflessioni di esponenti di mondi distinti (accademico, imprenditoriale, politico-istituzionale), tra i quali si è avviata, da qualche tempo, una più intensa ed effettiva collaborazione.

Componente principale delle Giornate sarà anche quest’anno da un Convegno, caratterizzato dall’alternarsi di sessioni di presentazione e discussione di contributi scientifici e sessioni di presentazione e discussione di proposte politiche e strategie.

Quest’anno, il Convegno è realizzato con la collaborazione di DISEI – Dipartimento di Studi per l’economia e l’impresa dell’Università del Piemonte Orientale – , ed è incentrato sui problemi: 1) da un lato, di come tutelare le imprese e le destinazioni turistiche da calamità; 2) da un altro, di come, su quali nuove basi, rilanciare il turismo, la cui importanza è stata oltremodo evidenziata dal “coronavirus”, in Italia e altrove.

 

Obiettivi del Convegno

1) Presentare risultati di riflessioni teoriche ed analisi empiriche su:

  • i più importanti tipi di turismo (definiti in base all’attrazione principale) per sostenibilità ecologica e apporto economico, a livello mondiale o di un dato paese o regione;
  • i più importanti flussi turistici, per tipo di turista, a livello mondiale o verso un dato paese o regione;
  • le forme principali di gestione dei servizi turistici, la loro differente importanza economica ed ecologica nelle diverse destinazioni (secondo il tipo di turismo prevalente);
  • fattori di successo e fattori che inibiscono lo sviluppo turistico ed economico locale: relazioni tra successo turistico e le condizioni della ricettività, la cultura dell’accoglienza, il tipo di destinazione turistica (attrazione principale) e altre variabili territoriali, al fine d’individuare la diversa incidenza delle variabili locali nella soddisfazione del turista e nel successo o insuccesso della destinazione;
  • politiche e strategie di sviluppo del turismo e ruolo del turismo nello sviluppo socio-economico locale.

2) Presentare risultati di analisi sui rapporti tra calamità sanitarie e turismo, evidenziando:

  • i differenti effetti della calamità secondo il tipo d’impresa, di offerta e destinazione turistica;
  • i fattori e le politiche che hanno ridotto maggiormente gli effetti negativi;
  • i fattori e le politiche che hanno permesso una più veloce e intensa ripresa.

3) Esporre riflessioni sui metodi d’indagine e di elaborazione delle informazioni per le analisi suddette con esempi di applicazioni.

4) Per l’Italia, fare il punto delle politiche del Governo, delle Regioni ed altri Enti territoriali, e avanzare proposte alternative o integrative: per tutelare e rilanciare il turismo in tutte le destinazioni centrali del turismo italiano e anche estenderlo in quelle periferiche valorizzandone le rilevanti potenzialità; per dare concretezza alla dichiarazione – da più parti e più volte ripetuta, e resa quanto mai evidente dal coronavirus – dell’importanza economica del turismo, ma anche della sua fragilità, ponendolo finalmente a tutte le scale geografiche su nuove basi, quelle in particolare di una vera pianificazione operativa, sistemica e partecipativa.

CALL FOR PAPERS

CALL FOR PAPERS (SPANISH VERSION)

Call for papers

L’esperienza del coronavirus impone un ripensamento completo del turismo: del suo valore – importanza economica ma anche fragilità per le destinazioni in cui è base economica prevalente, se non esclusiva – ; delle modalità in cui viene praticato dai soggetti del sistema turistico, cioè dai turisti e dalle imprese di gestione delle attrazioni e dei servizi d’informazione, trasporto e accoglienza dei turisti; dei modelli di governance a livello nazionale, regionale e distrettuale.
A questo scopo occorre da un lato un approfondimento delle nostre conoscenze del turismo nelle sue diverse destinazioni, nei territori oggetto d’interesse, da un altro conoscere quali effetti negativi sulle stesse destinazioni ha avuto il coronavirus e quali risposte sono state date e hanno avuto o sembrano avere maggiori effetti positivi per un rilancio e il progresso del turismo locale, e quali altre risposte sarebbero da proporsi sulla base soprattutto di precedenti calamità (sanitarie o d’altra natura).
In relazione ai temi e agli obiettivi del convegno sopraindicati si invitano i ricercatori di varie discipline scientifiche a proporre un contributo da presentare al convegno e da pubblicare, previo doppio referaggio, negli Annali del Turismo 2020.

Il titolo e un breve riassunto (300/500 parole) del contributo proposto, unitamente alla scheda d’iscrizione al convegno sotto riportata, dovrà pervenire entro il 30 settembre 2020 a info@geoprogress.eu
Il testo completo, che verrà presentato e discusso alle Giornate, dovrà invece pervenire entro il 20 ottobre 2020, per essere inserito nel programma del convegno e/o trasmesso ai referee, secondo il format che si trova nel sito www.geoprogress.eu/pubblicazioni (vedi le istruzioni Style Guidelines nella pagina del Geoprogress Journal) e, una volta approvato, verrà pubblicato negli Annali del turismo.

 

Destinatari del Convegno

Operatori economici, rappresentanti delle istituzioni territoriali, associazioni di categoria, mondo accademico, e i cittadini tutti, in quanto turisti effettivi o potenziali.

 

Iscrizione

Le iscrizioni alle Giornate del Turismo 2020 vanno comunicate alla Segreteria via e-mail info@geoprogress.eu oppure via fax 0321/375405, con l’apposita scheda comunicando data e modalità di versamento quota.
Il versamento va effettuato sul CC intestato a GEOPROGRESS, Via Perrone 18 – Novara (CF 94063920030) presso la banca Intesa San Paolo – Terzo settore – Fil. 55000 Novara
c/c 16996                BIC: BCITITMM          IBAN: IT75R0306909606100000016996

 

Quota d’iscrizione al convegno

Euro 100 per ricercatori, operatori privati e pubblici, soci e non soci, quale contributo per l’organizzazione e/o per la pubblicazione negli Annali del turismo dei testi inviatici e approvati dal Comitato scientifico.
Euro 50 (comprensivi della quota sociale annua) per i soci di Geoprogress che partecipano solo alla cena sociale, prevista dopo l’Assemblea, prenotandosi a info@geoprogress.eu.

logoONLUS(new)

Giornate del Turismo 2019 – XVIII edizione

Giornate del Turismo

XVIII Edizione


Convegno Internazionale  su:

IL TURISMO NEL PROGRESSO DELLE “PERIFERIE”

Napoli, 21-22 ottobre 2019

Università degli Studi di Napoli “Federico II”

PROGRAMMA (PDF)

PROGRAMMA (WORD)

 

Le Giornate del Turismo – promosse da Geoprogress Onlus, con il patrocinio di università, associazioni nazionali di categoria e istituzioni – costituisce un appuntamento annuale per ricercatori, operatori privati e decisori pubblici.

L’iniziativa – giunta alla XVIII edizione – è un momento fondamentale di studio e di discussione di proposte per il progresso del turismo e del territorio, che scaturiscono dal confronto dei risultati di ricerche e di riflessioni di esponenti di mondi distinti (accademico, imprenditoriale, politico-istituzionale), tra i quali si è avviata, da qualche tempo, una più intensa ed effettiva collaborazione.

Componente principale delle Giornate sarà anche quest’anno da un Convegno, caratterizzato dall’alternarsi di sessioni di presentazione e discussione di contributi scientifici e sessioni di presentazione e discussione di proposte politiche e strategie.

Il Convegno è realizzato, quest’anno, con  la collaborazione del Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” ed  è incentrato sui problemi dello sviluppo turistico nei paesi poveri,  della riqualificazione e del progresso del turismo nel Mezzogiorno d’Italia e in quelli d’altri paesi sviluppati,   sul ruolo e politiche  del turismo nella valorizzazione delle aree interne.

 

Obiettivi del Convegno

1) Presentare risultati di riflessioni teoriche ed analisi empiriche (a scala mondiale, nazionale, regionale e locale) su:

  • caratteri e problemi del turismo nelle periferie geografiche, spaziali e sociali, distintamente secondo il tipo d’attrazione principale , le forme principali di gestione dei servizi turistici e le modalità di sviluppo locale;
  • politiche e strategie di sviluppo del turismo e ruolo del turismo nello sviluppo socio-economico locale : a) nelle principali destinazioni turistiche dei paesi del “ Sud” del mondo (emergenti e sottosviluppati); b) nelle regioni periferiche dei paesi del “Nord” del mondo, particolarmente nel Mezzogiorno d’Italia; c) nelle aree interne o periferie delle regioni metropolitane;
  • fattori di successo e fattori che inibiscono lo sviluppo turistico ed economico locale: relazioni tra successo turistico e le condizioni della ricettività, la cultura dell’accoglienza, il tipo di destinazione turistica (attrazione principale) e altre variabili territoriali, al fine d’individuare la diversa incidenza delle variabili locali nella soddisfazione del turista e nel successo o insuccesso della destinazione;

2) Presentare, in particolare, risultati di analisi su:

  • casi d’integrazione effettiva o progettata tra aree di sviluppo turistico centrali (della “polpa”, come le nostre coste e le principali aree urbane principali) e aree periferiche ( o dell’ “osso” , come le aree interne o rurali);
  • ruolo dei parchi e dell’ecoturismo nelle aree periferiche  nello sviluppo turistico, culturale e d economico;
  • casi di destinazioni turistiche a sviluppo comunitario; casi  a sviluppo basato su piccole e medie imprese;  casi basati su grandi imprese ricettive  e villaggi vacanze;
  • ruolo dell’impresa sociale” nello sviluppo turistico locale

3) Esporre riflessioni sui metodi d’indagine e di elaborazione delle informazioni per le analisi suddette con esempi di applicazioni.

4) Fare il punto delle politiche del Governo e delle Regioni, e avanzare proposte alternative o integrative: per il miglioramento delle aree interne, per la diffusione del turismo dalla “polpa” all'”osso”, per rimuovere alcune condizioni che impediscono o frenano il progresso della “polpa” e  quindi anche dell’osso. Tra questi impedimenti una particolare attenzione si vuole dare  al malaffare, all’omertà , alla corruzione.

 

CALL FOR PAPERS

 

Presentazioni, contributi e spunti dei relatori alle Giornate del Turismo 2019:

Pepe – La destinazione “Matera 2019”: promozione turistica per l’intera regione Basilicata

Donisio, Palmentieri – I borghi del Cilento tra tutela e valorizzazione turistica

Maglio – Il Cineturismo: Un “Passpartù” per il territorio cilentano

De Filippo – Tourism Transition: il modello Dolomiti Lucane

De Falco, Consiglio – Il turismo solidale

Cerutti – Il turismo nelle aree interne: riflessioni e progetti lungo le Alpi

Bizzarri – Il turismo per tutti: una prospettiva geografica

Bencivenga – Il turismo enogastronomico per lo sviluppo rurale della Basilicata

Amato, De Falco – La valorizzazione turistica, mediante nuove tecnologie digitali, di aree interne rurali prossime a circuiti turistici consolidati: il caso dei piccoli borghi interni del Cilento

 

 

logoONLUS(new)

Sustainability and Multimodality

 

2nd Geoprogress Global Forum
SUSTAINABILITY AND ENERGY ISSUES

Transpogood
TRANSPORT OF GOOD PLATFORMS

 

MEETING  ON

SUSTAINABILITY AND MULTIMODALITY

PULA, December 2018

Geoprogress Global Forum (GGF) is an international initiative promoted by Geoprogress Journal, which is an open access e-journal,  submitted to a double-blind peer review, edited by Geoprogress. This is a non-profit organisation founded by Italian academics out of various disciplines and universities for contributing to the progress of humanity, namely to build a better world, and enhance peace and well-being, interdependence between nations, emancipation from starvation and other humiliating deprivations.

The GGF is open to scientists, experts, politicians and anyone around the World who wants to contribute to overcome the above mentioned problems. Furthermore, it would contribute to initiate a global network of people with the same concept of world and intentions and therefore help to urge the international policies of  States in the same direction. Each edition focuses on different problems of territory development, from local to global scale, and debates policies, management models and action proposals.

The second edition, opened with the international conference of Brussels on “Sustainability and Energy Issues”, held in September 7th, 2017, intends to focus on energy security and sustainability needs facing the present market and resistances to change. In particular, it aims:

  • to analyse current energy geography, which involves great differences in energy problems in different territories and requires different solutions and overall a new re-launch of co-operation among people for a sustainable development;
  • to discuss the strategies of energy security for humanity in sustainability and put forward policies and regulations, nationally and internationally.

Its purpose is not only to give continuity to the debate concerning the global environment issues that should be constantly in the spotlight of the scholars and public decision makers; but also, to try to further involve the scientific community in the global problems. This community should contribute not only to find techniques, of production and organisation, that are increasingly sustainable, but also to identify and remove resistances and obstacles toward the diffusion of such techniques and toward the satisfaction the energy needs of billions of people.

This international conference has been the first important step of the Forum that continued with the publication of the first contributions of the scientific community, experts and public decision-makers and the development of the debate over the web. In 2018, the Forum will continue with other initiatives – such as workshops and round tables on specific topics and issues organised with the collaboration of interested Institutions, University Departments, Associations, etc. – and with the publication in the GeoProgress Journal of new important contributions consistent with the following call for papers.

Some of these initiatives will focus on “SUSTAINABILITY AND TRANSPORT ISSUES”, as transport is one of the most important component of energy consumption and, for this reason and its infrastructures, cause of environmental degradation. Among the initiatives on transport, GeoProgress Journal promotes this Meeting on MULTIMODALITY in collaboration with  TRANSPOGOOD, Project of the EU Interreg Italy-Croatia.

The theme of the Meeting is  consistent for both EU Interreg project and GGF different obejectives.

 

OBJECTIVES AND DRAFT PROGRAM

The meeting includes a plenary session with key notes and reports, parallel sessions of papers presentation, and workshops for discussing experiences, political proposals and strategies.

 

CALL FOR PAPERS

The promoters of the workshop encourage the submission of original manuscripts, commentary and essays devoted to the examination of theoretical or empirical issues related to multimodality of transport and its importance for the organization of transport systems and for the aim of reducing negative ecological and social externalities.

Key issues to be discuss and analysed through case studies are around:

  • how to organize multimode transport systems in such a way to maximize the economic efficiency and minimize negative ecological impacts
  • how to reduce the ecological impact of transports
  • how to organize informatic platforms for multimode transport systems
  • which services should be provided by these platforms to maximize the economic and ecological efficiency
  • how to organize the governance of efficient multimode transport systems
  • how should be a planning process carried out for the progressive development of a multimode transport system with a participatory and systemic approach
  • which are the best spatial dimensions of multimode transport systems, in term of efficiency and competitivity
  • how to finance the economic and ecological progress of multimode transport systems
  • which are the policies of the EU and of European States for the development of efficient and sounder multimode transport systems
  • how to help poor countries to develop more sustainable transport systems
  • how are changing regional and global markets and which are the need and perspectives of regional and global transports
  • which are the impacts of new (ICT) technologies in the business of medium and long distance transports
  • which are the strategies of medium-long distance transport companies facing the geo-economics and geopolitics of ChinaContributions aimed at collecting best practices, case studies and practical experience are particularly to be welcomed

Contributions aimed at collecting best practices, case studies and practical experience are particularly welcomed.

The several topics related to the above issues include:

  • Geography of transports
  • Geopolitics
  • Economy and techniques of transports
  • Planning methods
  • Management methods
  • IT and Telecommunications
  • Geomatics

HOW  TO SUBMIT A PAPER

Every paper will be proposed for publication to the GeoProgress Journal. So every paper, as well as every intervention and report, has to be edited according the norms and format (“Style Guidelines…”) that you can find at http://www.geoprogress.eu/geoprogress-journal-pubblicazioni/ .
They will be submitted to peer review.

 

DEADLINE AND ONLINE APPLICATION

Proposals can be submitted both by December, 1st , 2018, and  by June 1st,, 2019.

The papers proposed by the first deadline will be presented and discussed during the workshop of Pula 2018. The papers proposed later, by June 2019; they will be probably  discussed in a second meeting and  anyway submitted for publication.

Authors will be notified of the decision on whether their papers will be presented at the workshop after a few days; and of the publication decision  in 45 days.

Proposals must be sent in English in the form of full length contributions (maximum 7200 words or 20 pages), according the Manuscript Submission Guidelines and the Format you find here www.geoprogress.eu/publication/

 

ORGANISATION

Coordinators of the Workshop

Francesco  Adamo,  Prof. Emer. of Economic Geography,  President of  Geoprogress  Onlus and responsible of Geoprogress Global Forum (GGF).

Responsible of Transpgood – EU  Interreg Project Italy-Croatia

Steering Committee of the GGF: Bjorn Asheim (Norway and Sweden), Huseyn Bagci,(Turkey), Vincente Bielza de Ory (Spain), Vladimir Kolossov (Russia), Sergio Conti (Italy), Elena Dell’Agnese (Italy), Labadi Fadwa (Palestine), Claudio Minca (Nederlands), Julian  V. Minghi (USA), Maria Paradiso (Italy), Petros Petsimeris (France), Stephane Rosiere (France), Christian Vandermotten (Belgium), Peter Wiltshier (United Kingdom).

Steering Committee of the EU Interreg Project TRANSPGOOD
Partners representatives:

Scientific Committee of the Workshop and for the Transport Section of the GeoProgress Journal:  Stefano Soriani (Università Venezia Ca’ Foscari), Vittorio Amato (University of Naple Federico II), Marco Mazzarino University of Venice IUAV), Maurizio Cociancich (University of Venice IUAV) alcuni  studiosi  stranieri noti come esperti di trasporti

Executive Committee of the Workshop: Maurizio Cociancich (University of Venice IUAV and Elevante),  Coordinatore  Carlo Donato (University of Sassari and Geoprogress),  Marcello Tadini

 

Secretariat of the Workshop:

Chiara Sorice (chiara.sorice@elevante.it)
Sandra Rainero
Edoardo Ardizzone of the Geoprogress Journal (edo.ardizzone@gmail.com)

Information:
Paper proposals:  info@geoprogress.eu,
Workshop organization : info@elevante.it, info@shortsea.hr

 

zeropoint_logo

logoONLUS(new)

Giornate del Turismo 2018 – XVII edizione

Giornate del Turismo

XVII Edizione


Convegno Internazionale  su
“IMPRESE E DESTINAZIONI TURISTICHE SMART”

 

Milano, 22-23 ottobre 2018

Via Bicocca degli Arcimboldi, 8 20126 Milano

Scuola di Economia e Statistica

Sala del Consiglio, n. 4064, IV piano, Edificio U7

Università degli studi di Milano Bicocca

 

Le Giornate del Turismo – promosse da Geoprogress Onlus con il patrocinio dell’Università del Piemonte O., del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della Conferenza delle Regioni, di Assoturismo, Confturismo e Federturismo – sono un appuntamento annuale per ricercatori, operatori privati e decisori pubblici. L’iniziativa – giunta alla XVII edizione – è un momento fondamentale di studio e di discussione di proposte per il progresso del turismo e del territorio, che scaturiscono dal confronto dei risultati di ricerche e di riflessioni di esponenti di mondi distinti (accademico, imprenditoriale, politico-istituzionale) – tra i quali si è avviata, da qualche tempo, una più intensa ed effettiva collaborazione.

Quest’anno il convegno, che costituisce l’attività principale delle Giornate, assume carattere internazionale ed è realizzato con la collaborazione del Centro Studi Aziendali dell’Università degli Studi Milano Bicocca.

Come nell’edizioni precedenti, il convegno è caratterizzato dall’alternarsi di sessioni di presentazione e discussione di contributi scientifici a sessioni di confronto di esperienze e conoscenze, di presentazione e discussione di proposte politiche e strategie.
Scopo del convegno di quest’anno è discutere e analizzare l’impatto delle Tecnologie d’Informazione e Comunicazione (ICT) nei mutamenti in atto nelle imprese e nelle destinazioni turistiche anche allo scopo di mettere in evidenza il progresso del turismo e le migliori politiche di sviluppo e di diffusione di innovazioni tecnologiche. Particolarmente graditi saranno i contributi volti a raccogliere best practices, casi studio e ad esperienze concrete.

Destinatari del Convegno
Operatori economici, rappresentanti delle istituzioni territoriali, associazioni di categoria, mondo accademico, e i cittadini tutti, in quanto turisti effettivi o potenziali.

Al fondo della pagina si possono scaricare la Call for papers, il programma e altre informazioni utili per l’evento.

Contributi al convegno in forma di presentazione:

Ronza-Scherbi – Imprese e destinazioni turistiche smart

RICHIESTA DI CONTRIBUTI SCRITTI

Il turismo smart e turismo 4.0 

Le nuove Tecnologie di Informazione e Comunicazione  (ICT), come  Personal computer, Smartphone,  Big Data e  Piattaforme digitali, Internet delle cose (IoT) , Intelligenza artificiale, ma anche  la Biometrica , le Nanotecnologie e la Share economy,  oltre una serie di nuovi materiali resistenti e leggeri (fibre di carbonio, quarzo, vetro e altri materiali per i mezzi di trasporto e le reti di comunicazione), sono innovazioni che da almeno un ventina d’anni stanno cambiando la nostra vita quotidiana di cittadini e di turisti,  unitamente all’organizzazione delle imprese e dei territori, compresi ovviamente i servizi e le destinazioni turistiche.  Dalle grandi città, dove più numerose ed evidenti sono le innovazioni alle destinazioni balneari o montane e sino ai villaggi ed insediamenti turistici sparsi in zone rurali, tutte le destinazioni sono interessate seppur in diverso modo e misura.

Allo scopo di delineare le migliori politiche e strategie di progresso nell’attuale rivoluzione digitale si ritiene importante in primo luogo conoscere il diverso livello di diffusione delle tecnologie, le diverse modalità di diffusione e i diversi impatti tra le varie destinazioni e tra le diverse imprese di servizi, è già un primo aspetto di studio importante. Occorre in particolare cercare di rispondere alla domanda: “quali esperienze di turismo intelligente hanno maggiori probabilità di migliorare l’attrattiva della destinazione? “.   Una domanda analoga si pone per le imprese turistiche: “quali tecnologie ne accrescono maggiormente la competitività”.  Per entrambe le domande, si possono dare alcune risposte generali, che troviamo ripetute in molteplici scritti di varia natura. Tuttavia, più corrette e utili risposte si possono trovare attraverso analisi distinte per ciascun tipo di destinazione turistica di destinazione turistica e, per le imprese, secondo il tipo di servizio offerto.

Se, come pare, le ICT e loro applicazioni sono tanto importanti per garantire se non il progresso, la competitività delle nostre imprese e destinazioni turistiche può essere utile contribuire a stimolare, anche con questo convegno, la diffusione della conoscenza di nuovi sviluppi tecnologici e delle loro possibili usi nel turismo; e, non per ultimo, discutere le politiche praticate e le proposte di nuove eventuali politiche per un turismo sempre più smart.

Obiettivi del convegno

1) Presentare risultati di analisi empiriche riguardanti la diffusione e i caratteri dell’ICT nelle imprese e nelle destinazioni turistiche, gli effetti socio-economici, culturali e spaziali di tale diffusione, l’impatto sui caratteri dei turisti e i loro comportamenti, i rapporti tra il grado di sviluppo di tecnologie smart (intelligenti)  nelle città. e l’attrattività turistica.

2) Esporre riflessioni sui metodi d’indagine e di elaborazione delle informazioni per le analisi delle imprese, del loro livello tecnologico e del loro comportamento, degli effetti della diffusione dell’ICT nell’organizzazione dei sistemi turistici e sui turisti.

3) Presentare nuove applicazioni (APPs e dashboard) utili per la gestione di informazioni turistiche e progetti in atto per la loro creazione.

4) Fare il punto dello stato d’attuazione del Piano della digitalizzazione del turismo e più in generale delle politiche del Governo e delle Regioni per il turismo, e avanzare proposte alternative o integrative: per la crescita di imprese e destinazioni smart, il miglioramento della competitività delle imprese e la sostenibilità dello sviluppo territoriale.

 

In relazione ai temi e agli obiettivi sopraindicati si invitano i ricercatori di varie discipline scientifiche a proporre un contributo da presentare al convegno e da pubblicare, previo referaggio, negli Annali del Turismo 2018 in ITALIANO o in INGLESE.

 

ISCRIZIONE E CALL FOR PAPERS (ITALIANO)

REGISTRATION AND CALL FOR PAPERS (ENGLISH)

 

Scarica il programma

 

Info cena sociale & alberghi convenzionati

logoONLUS(new)

Geoprogress Global Forum 2018

 2nd Geoprogress Global Forum

2nd edition of the International Conference on

SUSTAINABILITY AND ENERGY ISSUES

 2018, Bruxelles

 

The “Geoprogress Global Forum (GGF)” is an international initiative promoted by the  Geoprogress Journal,  which  is an open access e-journal,  submitted to a double-blind peer review, edited by Geoprogress. This is a non-profit organisation founded by Italian academics out of various disciplines and universities for  contributing to the progress of humanity, namely to build a better world, and enhance peace and well-being, interdependence between nations, emancipation from starvation and other humiliating deprivations .

The GGF is open to scientists, experts, politicians and anyone around the World who wants to contribute to overcome the above problems. Furthermore it would contribute to initiate a people global network with the same world concept and intentions and therefore help to urge the international policies of their States in the same direction. Each edition focuses on different problems of territory development, from local to global scale, and  debates policies, management models and  action proposals.

The second edition, opened with the international conference of Brussels on “Sustainability and Energy Issues”, held in September 7th, intends to focus on energy security and sustainability needs facing the present market and resistances to change. In particular, it aims:

  • to analyze current energy geography, which involves great differences in energy problems in different territories and requires different solutions and overall a new re-launch of cooperation among  people for a sustainable development;
  • to discuss the strategies of energy security for humanity in sustainability and put forward policies and regulations, nationally and internationally.

Its purpose is not only to give continuity to the debate concerning the global  environment  issues that should be constantly in the spotlight of the scholars and public decision makers;  but also  to try to further  involve the scientific community in the global problems. This community should contribute not only  to find techniques, of production and organization, that are increasingly sustainable, but also to identify and remove resistances and obstacles toward the diffusion of such techniques and toward the satisfaction the energy needs of billion people.

This international conference was the first important moment of the Forum that continued with the publication of the first contributions of the scientific community, experts and public decision-makers in the developing the debate over the web.  In 2018, the Forum will continue with other initiatives – such as workshops and round tables on specific topics and issues organized with the collaboration of interested Institutions, University Departments, Associations, etc. –  and with the publication in the GeoProgress Journal  of new  important contributions consistent with the following call for papers.

 

DOWNLOAD THE CALL FOR PAPERS

 

 

zeropoint_logo

novara-cupola_di_san_gaudenzio

Giornate del Turismo 2017 – XVI edizione

BOZZA DI PROGRAMMA E RICHIESTA DI CONTRIBUTI SCRITTI

Giornate del Turismo   2017

 XVI Edizione 

VALORIZZAZZIONE E GESTIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE.

ESPERIENZE A CONFRONTO”   

 Novara  (Università del Piemonte O.)

Armeno (Villa Badanelli)

23-24 Ottobre 2017

L’iniziativa promossa da Geoprogress Onlus, con il patrocinio dell’Università del Piemonte O., del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della Conferenza delle Regioni, di Assoturismo, Confturismo  e Federturismo, costituisce un appuntamento annuale per ricercatori, operatori privati e decisori pubblici.

Essa – giunta alla XVI edizione – è un momento fondamentale di studio e di discussione di proposte per il progresso del turismo e del territorio, che scaturiscono dal confronto dei risultati di ricerche e di riflessioni di esponenti di mondi distinti (accademico, imprenditoriale, politico-istituzionale) – tra i quali si è avviata, da qualche tempo, una più intensa ed effettiva collaborazione.

Quest’anno l’iniziativa è realizzata con il sostegno, speriamo, di una Fondazione culturale.

 

SCARICA LA BOZZA DEL PROGRAMMA E LA SCHEDA DI ISCRIZIONE CON LE RELATIVE INFORMAZIONI

 

RICHIESTA DI CONTRIBUTI SCRITTI         

Il patrimonio di beni culturali, materiale e immateriale, comprendente paesaggi, singoli manufatti architettonici, storici e artistici, espressioni e credenze religiose, tradizioni etnografiche, prodotti tipici raccoglie un insieme di valori che – se riconosciuti, innanzitutto dai residenti nel territorio che li possiede – costituiscono oggetto di attività culturali e ricreative degli stessi residenti. Queste attività sono sempre più importanti nell’attuale competizione economica  e riproduzione allargata  della forza di lavoro e solo per questo motivo i valori culturali del territorio meritano d’essere attentamente tutelati.  Inoltre, per lo stesso motivo questi beni  hanno una crescente importanza  tra le attrazioni turistiche principali.

Esse, tuttavia, non sono le sole attrazioni e si tratta di capire se il turismo che esse motivano è compatibile con altri turismi, vale a dire con movimenti motivati d altre attrazioni, ed anche più in generale come altre attività locali si conciliano con tale turismo e,anzi, si possano ad esso integrare. Si tratta anche di capire se e quando i turisti, che in una prima fase sono indubbiamente potenti alleati dei residenti per la tutela del patrimonio culturale, divengano concorrenti nella fruizione di tali risorse e quali politiche facciano (o sia necessario che facciano) gli enti di gestione o meglio gli enti territoriali da cui  in genere gli enti di gestione dipendono.

Il patrimonio culturale è organizzato in sistemi di relazioni vario genere (spontanei o di mercato, gerarchici, a rete,..) che costituiscono la base della sua valorizzazione. A seconda della struttura del sistema culturale molto  diversi possono essere i risultati economici  della valorizzazione, oltre che i tipi di valorizzazione e le forme di gestione e tutela dei beni.

I benefici della tutela dei beni culturali vanno a chi direttamente ne fruisce  ma anche  tutte le attività che traggono vantaggio dai fruitori: dai servizi di cui costoro si servono  a tutte le altre attività che hanno un potente strumento di marketing  nel turismo generato dall’attrazione dei beni tutelati. Si tratta di capire, nei casi di studio che verranno considerati,  come e in che misura le varie forme di valorizzazione coprono i costi della tutela.  Visto che i beni e le attività culturali sembrano essenziali per la formazione e riproduzione di risorse umane di qualità, tanto da essere oggigiorno  considerate economie esterne strategiche, non meno importanti di infrastrutture collettive, c’è chi pensa che i costi dovrebbero  essere coperti dallo Stato, dalle tasse; altri invece pensano che debbano essere a carico dei fruitori, residenti e turisti, almeno dopo una prima eventuale fase di recupero. Per una paese come l’Italia, con un immenso patrimonio da tutelare e nello stesso tempo un immenso debito pubblico, è  essenziale trovare soluzioni adeguate, più o meno miste pubblico-private e fare delle scelte sui beni cui attribuire priorità nella tutela a carico dello Stato.

A questo proposito è essenziale attribuire un valore ad ogni bene che si considera parte del patrimonio, seppure in termini molto relativi: farne almeno una gerarchia.   Sarebbe utile al riguardo considerare come si comporta lo Stato italiano a livello  nazionale e le Regioni per quanto di loro competenza e confrontare questi comportamenti con quelli di altri paesi europei.

Sarebbe anche utile disporre d’indagini che consentano di confrontare le diverse modalità d’organizzazione e gestione degli enti di gestione e  calcolare l’efficienza e l’efficacia.

 

Temi di ricerca privilegiati

Gli organizzatori invitano i ricercatori impegnati in studi sul patrimonio culturale e lo sviluppo del turismo  a proporre un contributo scientifico, da  presentare e discutere al convegno e /o  da pubblicare negli Annali del turismo,  su

1) risultati di ricerche empiriche e riflessioni teoriche sulle questioni poste qui sopra, e  sui  temi di ricerca seguenti:

– sistemi culturali: tipi di struttura , di valorizzazione e forme di gestione,  evoluzione storica e modelli di sviluppo;

– sistemi locali di produzione turistica a base culturale: dimensioni ottimali, modelli  di governance, rapporti tra risultati socio-economici, dimensione, forma di governance;

– modelli di gestione integrata di sistemi e di reti culturali;

–  stato, evoluzione, tendenze ed esigenze prioritarie di tutela  del patrimonio di beni culturali che l’Unesco ha dichiarato patrimonio dell’umanità;

–  problemi e caratteri specifici dei  sistemi culturali e turistici formati dai beni dichiarati dall’Unesco patrimonio dell’ umanità;

– esperienze di valorizzazione dei beni culturali in senso lato, inclusi paesaggi e prodotti tipici: su politiche, strategie e strumenti  di valorizzazione utilizzati  e sui loro risultati, con particolare attenzione alla valorizzazione turistica  e alle sue ricadute  economiche e sociali. Nel caso di beni dichiarati patrimonio dell’umanità  evidenziare le ricadute della loro valorizzazione su altre risorse del territorio.  In ciascun caso, e tanto meglio attraverso l’analisi  compartiva di più casi, evidenziare la diversa  importanza delle condizioni ambientali che hanno permesso o  favorito la  valorizzazione delle risorse culturali, che possono spiegare  spiegano il diverso tipo di valorizzazione dei beni culturali e anche il diverso successo turistico.

modalità di gestione del patrimonio di beni culturali e sui modelli d’organizzazione e gestione degli enti di gestione,

– uso  di  nuove tecnologie nella gestione dei beni culturali e nelle analisi e rappresentazione delle informazioni geografiche per lo sviluppo del turismo;

– modalità di copertura dei costi della tutela del patrimobio culturale.

2) Illustrare  metodi d’indagine e di elaborazione delle informazioni per le suddette analisi con esempi di applicazioni.

3) Analisi delle performance reddituali e di efficienza nell’ambito delle arti performative (ad es. danza, musica, teatro). In un ambito spesso sostenuto da contributi pubblici la cui disponibilità risulta sempre più limitata, appare cruciale una valutazione dell’efficienza e dell’efficacia nell’utilizzo di tali risorse. Tale analisi – già di per sé importanti considerando i limiti alla riduzione dei costi dati dalla legge di Baumol – assumono tanta più importanza quanto più la qualità della produzione artistica trasforma il ruolo dell’evento teatrale da attività ricreativa destinata prevalentemente ai residenti a catalizzatore di flussi turistici con finalità culturale.

4)  Esporre e discutere specificità ed  esperienze di  turismo religioso e di valorizzazione dell’arte sacra.

5) A partire dal Piano strategico nazionale del turismo avanzare e discutere  alcune ipotesi di obiettivi ed azioni per un piano operativo  di valorizzazione dei Sacri Monti del Piemonte e Lombardia e delle risorse della regione insubrica.

5)  altri temi relativi alla valorizzazione e gestione dei beni culturali, soprattutto con riguardo ai beni dichiarati patrimonio dell’umanità, che i ricercatori vorranno proporre e gli organizzatori disponibili a recepire.

Presentazione delle proposte di contributo

Il titolo e un breve riassunto (300/500 parole) del contributo proposto, unitamente alla scheda d’iscrizione al convegno sotto riportata, dovrà pervenire entro il 15 GIUGNO 2017 a info@geoprogress.eu

Il testo completo, che verrà presentato e discusso alle Giornate, dovrà invece pervenire entro la fine di settembre, per essere trasmesso ai referee. Esso deve essere redatto  solo secondo il format che si trova nel sito www.geoprogress.eu/pubblicazioni (vedi le istruzioni Style Guidelines nella pagina del Geoprogress Journal) e, una volta approvato, verrà pubblicato negli Annali del turismo

 

ISCRIZIONE AL CONVEGNO

 Le iscrizioni alle Giornate del Turismo 2017 vanno comunicate alla Segreteria via e-mail info@geoprogress.eu oppure via fax 0321/375405, con la scheda riportata qui di seguito, comunicando data e modalità di versamento  della quota d’iscrizione.

Il versamento va effettuato sul CC intestato a GEOPROGRESS , Via Perrone 18 – Novara (CF 94063920030) presso BANCA PROSSIMA, Fil. 5000 , Novara IBAN: IT22V0335901600100000016996  

Quota d’iscrizione al convegno

  • Euro 100 per ricercatori, operatori privati e pubblici, soci e non soci, quale contributo per l’organizzazione e/o per la pubblicazione negli Annali del turismo dei testi inviatici e approvati dal Comitato scientifico.
  • Euro 50 (comprensivi della quota sociale annua) per i soci di Geoprogress che partecipano solo alla cena sociale, prevista dopo l’Assemblea, prenotandosi a info@geoprogress.eu per consentire di riservare i posti a tavola entro il 20 ottobre .

Gli operatori delle Associazioni turistiche che partecipano all’evento che, come auspichiamo,  hanno il piacere di partecipare anche alla cena  sono anch’essi invitati a prenotarsi e a fare all’arrivo una donazione che copra almeno il costo della cena.

Gli studenti e tutti gli interessati solo ad assistere alle presentazioni e ai dibattiti sono invitati a versare un contributo libero, quale donazione a sostegno delle attività di Geoprogress Onlus,(www.geoprogress.eu) di promozione del progresso delle conoscenze e di cooperazione allo sviluppo – contributo che per coloro che intendono aderire alla Onlus è fissato in Euro 15 come minimo (o di €50 come quota per il quinquennio 2016-’20) e si può versare al momento della registrazione dei partecipanti.                                                                                                                                             

 

logoONLUS(new)

Geoprogress Global Forum 2017

 2nd Geoprogress Global Forum

International Conference on

SUSTAINABILITY AND ENERGY ISSUES

September 7-8, 2017, Bruxelles

 

The “Geoprogress Global Forum (GGF)” is an international initiative promoted by the  Geoprogress Journal,  which  is an open access e-journal,  submitted to a double-blind peer review, edited by Geoprogress. This is a non-profit organisation founded by Italian academics out of various disciplines and universities for  contributing to the progress of humanity, namely to build a better world, and enhance peace and well-being, interdependence between nations, emancipation from starvation and other humiliating deprivations .

The GGF is open to scientists, experts, politicians and anyone around the World who wants to contribute to overcome the above problems. Furthermore it would contribute to initiate a people global network with the same world concept and intentions and therefore help to urge the international policies of their States in the same direction. Each edition focuses on different problems of territory development, from local to global scale, and  debates policies, management models and  action proposals.

In the edition 2017, the second, the GGF intends to focus on energy security and sustainability needs  facing the present market and resistances to change. In particular, it aims:

  • to analyze current energy geography, which involves great differences in energy problems in different territories and requires different solutions and overall a new re-launch of cooperation among  people for a sustainable development;
  • to discuss the strategies of energy security for humanity in sustainability and put forward policies and regulations, nationally and internationally.

Its purpose is not only to give continuity to the debate concerning the global  environment  issues that should be constantly in the spotlight of the scholars and public decision makers;  but also  to try to further  involve the scientific community in the global problems. This community should contribute not only  to find techniques, of production and organization, that are increasingly sustainable, but also to identify and remove resistances and obstacles toward the diffusion of such techniques and toward the satisfaction the energy needs of billion people.

This international conference is the main moment of the Forum, which then continues both with the publication of scientific papers and developing the debate over the web

 

Download the complete program of the event

 

Official poster (download)

 FIRST Press Release (download)

SECOND Press Release (download)

 

 

Contributions of the 2nd Geoprogress Global Forum


C. Boldrini – EU Sustainable Energy Cooperation: Policies and instruments – European Commission

D. Chello – Does sustainability need international co-operation? – Medener

B. Di Pietro -Preliminary analysis of the potentual benefit of thermoregulation systems and individual metering of heat consumptions in the Italiana residential building stock – ENEA 

R. Garcia – Crowdfarming wind farms in Champagne Berrichonne: towards acceptability of facilities – CEDETE Laboratory, University of Orleans

O. Janin – Contractors: the essential link to efficient refrigeration & air conditioning – AREA

S. La Motta – Energy Transition: the role of international cooperation and technology transfer – ENEA

V. Lemort – Comparison of three electrical space heating systems in low energy building for smart load management – Liège Université

M. Pastorelli – Hybrid models for the evaluation of energy sustainability in urban areas – Politecnico di Torino

G. Pede – Road transport electrification, a new highway to energy saving – ENEA

A. Provaggi – European Energy transition Policies and Technologies – EUROHEAT & POWER

M. Bresso – Intervention – European Parliament Member

zeropoint_logo

XV Edizione dell'appuntamento promosso da

Giornate del Turismo 2016 – Verso un’ospitalità sostenibile

Giornate del Turismo
XV Edizione

“VERSO UN’OSPITALITA’ SOSTENIBILE”
13-14 Ottobre 2016

Rimini Tourism Innovation Square
Palazzo Buonadrata, corso d’Augusto 62, Rimini


L’iniziativa promossa da Geoprogress Onlus, con il patrocinio dell’Università del Piemonte O., del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, della Conferenza delle Regioni, di Assoturismo e Federturismo, costituisce un appuntamento annuale per ricercatori, operatori privati e decisori pubblici.
Essa – giunta alla XV edizione – è un momento fondamentale di studio e di discussione di proposte per il progresso del turismo e del territorio, che scaturiscono dal confronto dei risultati di ricerche e di riflessioni di esponenti di mondi distinti (accademico, imprenditoriale, politico-istituzionale) – tra i quali si è avviata, da qualche tempo, una più intensa ed effettiva collaborazione.


Quest’anno l’iniziativa è realizzata con la collaborazione del CAST di Rimini dell’Università di Bologna e il sostegno dell’AIAV (Associazione Italiana Agenti di Viaggio).


Obiettivi del Convegno
1) Presentare risultati di analisi empiriche di aggiornamento e approfondimento:
– sullo stato, evoluzione, tendenze ed esigenze prioritarie della ricettività e, più in generale, dell’ospitalità italiana, con riferimento da un lato a cosa ne pensano turisti, residenti ed operatori economici, da un altro lato alle condizioni di altri Paesi;
– sulle relazioni tra successo turistico e condizioni della ricettività, la cultura dell’accoglienza, il tipo di destinazione turistica sviluppo e altre variabili territoriali, al fine d’individuare la diversa incidenza delle variabili locali nella soddisfazione del turista e nel successo della destinazione
2) Esporre riflessioni sui metodi d’indagine e di elaborazione delle informazioni per le suddette con esempi di applicazioni.
3) Fare il punto delle politiche del Governo e delle Regioni per il miglioramento dell’accoglienza e lo sviluppo del turismo locale; avanzare e discutere proposte di politiche e strategie per un’ospitalità sempre più sostenibile e competitiva, in particolare per un rinnovamento delle strutture edilizie ricettive, che oltre a riqualificare il turismo contribuirebbe alla ripresa economica.
4) Esporre e discutere l’esperienza di Rimini e, su questa base, proporre la diffusione di una pianificazione sistemica e partecipativa dello sviluppo locale, anche attraverso incentivi nazionali e regionali.

Destinatari del Convegno:
Operatori economici, rappresentanti delle istituzioni territoriali, associazioni di categoria, mondo accademico, e i cittadini tutti, in quanto turisti effettivi o potenziali.


PROGRAMMA

Giovedì 13 ottobre 2016
Rimini Tourism Innovation Square
Palazzo Buonadrata, corso d’Augusto 62


9:30 Registrazione dei partecipanti
10:00 I Sessione: Apertura dei lavori
Presiede: Francesco Adamo, Geoprogress (Onlus)
Saluti istituzionali Università di Bologna Cast di Rimini, Università del Piemonte O., Città di Rimini, Associazioni scientifico-professionali e imprenditoriali

Introduzione
Quale ospitalità per un turismo sostenibile e competitivo?
Francesco Adamo, Geoprogress Onlus

11: 00 – II Sessione: Stato, esigenze e politiche di rinnovamento dell’ospitalità italiana
Presiede: Vittorio Amato, Università di Napoli Federico II

Stato e tendenze dell’offerta ricettiva delle destinazioni turistiche italiane
Gianfranco Spinelli, Università del Piemonte Orientale
Esigenze e tendenze di rinnovamento delle strutture ricettive e dei servizi d’accoglienza,
Filippo Donati (Assohotel), Giorgio Palmucci (Confindustria Alberghi) Le reti di imprese, strumento di crescita competitiva dell’offerta turistica italiana
Serena Aureli, CAST di Rimini, Università di Bologna
Cultura e percezione dell’accoglienza relativamente alle principali destinazioni italiane,
Daniela La Foresta, Università di Napoli “Federico II
L’ospitalità italiana e quella degli “altri”,
Armando Peres, Presidente del Comitato Turismo OCSE – Parigi

12:30 Pausa

14: 30 – III Sessione: Tavola Rotonda su “Politiche e strategie per un’ospitalità responsabile. Dal piano strategico al piano operativo”
Coordina: Giorgio G. Bertoni, Giornalista

Intervengono:
Filippo Donati , Assoturismo/Confesercenti
Antonio Barreca, Federturismo/Confindustria
Fulvio Avataneo, AIAV (Ass.Ital. Agenti Viaggio)
Fabio Maria Lazzerini, ENIT
Giovanni Lolli, Coordinatore nazionale degli assessori al Turismo della Conferenza delle Regioni.
Dorina Bianchi, Sottosegretario al Ministero dei Beni Culturali e Ambientali e del Turismo

16:30 Pausa

16: 45 – IV Sessione: I gateway del turismo e il rinnovamento dell’accoglienza italiana
Presiede: Giovanni Fraquelli, Università del Piemonte Orientale

Decision-making, strategie e valutazione delle performance nelle agenzie di viaggio italiane
Graziano Abrate, Clementina Bruno, Fabrizio Erbetta, Giovanni Fraquelli
Per il rinnovamento dell’accoglienza italiana Interventi di operatori, associati a AIAV, ASSOVIAGGI, ASTOI, FIAVET .

17: 45 – 19:00 V Sessione: Rimini Venture 2027 – L’esperienza del Piano strategico della città, il ruolo e le prospettive degli operatori e della popolazione locale.
Presiede: Pietro Leoni, Esperto del piano strategico di Rimini
Introduce: Maurizio Ermeti, Presidente Associazione Forum Rimini Venture

Intervengono :
Operatori locali (imprese di strutture ricettive, servizi di trasporto , stabilimenti balneari, servizi finanziari), Rappresentanti dei consumatori, dei lavoratori e dell’ Amministrazione cittadina.

20:00 – Cena sociale


Venerdì 14 ottobre 2016
Rimini Tourism Innovation Square
Palazzo Buonadrata, in corso d’Augusto 62


9:00 – 11:00 – VI Sessione – Comunicazioni
Presiede: Maria Laura Gasparini, Università di Napoli “Parthenope.

Il turismo halal come un possibile elemento di rinnovamento dell’offerta turistica italiana
Stefania Mangano, Gian Marco Ugolini, Università di Genova
Le sfide per un turismo sostenibile comune nell’area adriatico-ionica: il contributo delle politiche europee di coesione e di preadesione
Silvia Grandi, Università di Modena e Reggio Emilia
Attrattività e competitività delle destinazioni: fattori di successo e sfide per il sistema ospitale delle aree protette di Basilicata,
Bencivenga, L. Chiarullo, D. Colangelo, M. De Filippo, Fondaz. ENI Enrico Mattei
Matera Capitale europea della cultura 2019: l’ospitalità di una comunità coinvolta in un mega evento,
Bencivenga A., Buccino L., Gianpietro A.M., Pepe A., Fondaz. ENI Enrico Mattei
Il crocierismo. Dinamiche evolutive e impatto ambientale
Vittorio Amato, Università degli Studi di Napoli Federico II

10:15 – Discussione

11:00 – 12:30 – VII SessioneComunicazioni
Presiede: Alessia Mariotti, Direttore CAST di Rimini, Università di Bologna
Costruzione di un modello di sviluppo endogeno per i borghi marinari

Giuseppe Reina, Università di Catania
Il Parco Nazionale del Vesuvio come promotore di sviluppo turistico: analisi dei flussi e customer satisfaction,
Giovanna Galeta Lanza, Università di Salerno
“Dormire in santa pace”: ospitalità in conventi e monasteri della Penisola Sorrentina,
Maria Laura Gasparini e Giuseppe Pignatelli , Università di Napoli, “Parthenope” e Seconda
Il turismo a “Verona, city of Unesco”. Considerazioni a margine di una ricerca sulle motivazioni e condizioni della visita,
Silvino Salgaro, Università di Verona
Lo Structural Equation Model applicato all’analisi dell’offerta turistica,
Reyes González-Relaño e Stefania Mangano, Università di Siviglia e Genova
L’ospitalità nei luoghi termali delle Marche. È possibile una politica di rinnovamento?
Salvatore Cannizzaro e Gian Luigi Corinto, Università di Catania e di Macerata

12:30 – Discussione

14:30 – 16:00 VIII Sessione: Comunicazioni
Presiede: Marco Ugolini, Università di Genova

Il turismo cinese a Milano: reti, ospitalità, pratiche
Monica Morazzoni, Giovanna Giulia Zavettieri, Iulm, Milano.
Fari dismessi. Dall’abbandono alla rigenerazione.
Antonietta Ivona, Università di Bari
Verso una ricettività diffusa come soluzione alla questione dei “letti freddi” per uno sviluppo turistico s-Low: il caso dell’Alto Sebino
Sara Belotti, Università degli Studi di Bergamo
Il turismo e la nuova governance regionale in Abruzzo: le reti d’impresa e le opportunità delle DMC
Bernardo Cardinale e Rosy Scarlata, Università di Teramo
Gli agriturismi in Valle d’Aosta: scelta di marketing e politica del turismo
Anna Maria Pioletti, Cecilia Lazzarotto, Università della Valle d’Aosta
La dimensione territoriale dell’ospitalità e dell’accoglienza. Studi di una recente destinazione turistica: Langhe e Monferrato.
Enrico Ercole, Università del Piemonte Orientale

16:00 – Discussione

16:30 – Conclusioni


SCARICA IL PROGRAMMA


ORGANIZZAZIONE


Responsabile dell’iniziativa:
Francesco Adamo, Geoprogress Onlus
Comitato scientifico:
Francesco Adamo, Alessandro Capocchi, Cesare Emanuel, Fiorella Dallari, Giovanni Fraquelli, Fabio Pollice, Alessia Mariotti, Piercarlo Rossi, Vittorio Ruggiero, Lida Viganoni
Segreteria:
Annalisa Spalazzi (Coord.), Giuseppe Reina, Edoardo Perazzini (CAST Rimini)
Informazioni generali: tel. 324 5809189 , e-mail: annalisa.spalazzi2@unibo.it
Informazioni sul programma: info@geoprogress.eu, 3351343112
Rapporti con la Stampa: info@mediamover.it
Ufficio redazionale e gestione Social network: Elena Gallarate, Edoardo Ardizzone (Geoprogress)


SCRIZIONE AL CONVEGNO

Le iscrizioni alle Giornate del Turismo 2016 vanno comunicate alla Segreteria via e-mail info@geoprogress.eu oppure via fax 0321/375405, con la scheda riportata qui di seguito, comunicando data e modalità di versamento della quota d’iscrizione.
Il versamento va effettuato sul CC intestato a GEOPROGRESS , Via Perrone 18 – Novara (CF 94063920030) presso BANCA PROSSIMA, Fil. 5000 , Novara IBAN: IT22V0335901600100000016996
Quota d’iscrizione al convegno
Euro 100 per ricercatori, operatori privati e pubblici, soci e non soci, quale contributo per l’organizzazione e/o per la pubblicazione negli Annali del turismo dei testi inviatici e approvati dal Comitato scientifico.
Euro 50 (comprensivi della quota sociale annua) per i soci di Geoprogress che partecipano solo alla cena sociale, prevista dopo l’Assemblea, prenotandosi a info@geoprogress.eu per consentire di riservare i posti a tavola entro il 10 ottobre .
Gli operatori delle Associazioni turistiche che partecipano all’evento che, come auspichiamo, hanno il piacere di partecipare anche alla cena sono anch’essi invitati a prenotarsi e a fare all’arrivo una donazione che copra almeno il costo della cena.
Gli studenti e tutti gli interessati solo ad assistere alle presentazioni e ai dibattiti sono invitati a versare un contributo libero, quale donazione a sostegno delle attività di Geoprogress
Onlus,(www.geoprogress.eu) di promozione del progresso delle conoscenze e di cooperazione allo sviluppo – contributo che per coloro che intendono aderire alla Onlus è fissato in Euro 15 come minimo (o di €50 come quota per il quinquennio 2016-’20) e si può versare al momento della registrazione dei partecipanti.

zeropoint_logo

1 2